Pages Menu
Categories Menu

coscienza universitaria (3)

image_pdfimage_print

«L’essenziale» a scuola. Riflessione di un tempo inusuale

downloaddi Stefania Furfaro · Nel tempo del Coronavirus, anche la nostra routine di studenti è cambiata. La didattica a distanza ci ha permesso di proseguire il nostro percorso di formazione. “Internet e le reti digitali hanno creato un nuovo modo di comunicare e stabilire legami”: Così l’esportazione Apostolica post sinodale ‘Christus Vivit’ nella parte dedicata ad internet e alle reti sociali individua opportunità ma anche rischid8b742608f424d665cfd52d144b9494c_XL. “L’ambiente digitale caratterizza il mondo contemporaneo. Larghe fasce dell’umanità vi sono immerse in maniera ordinaria e continua. Non si tratta più soltanto di “usare” strumenti di comunicazione, ma di vivere in una cultura ampiamente digitalizzata che ha impatti profondissimi sulla nozione di tempo e di spazio, sulla percezione di sé, degli altri e del mondo, sul modo di comunicare, di apprendere, di informarsi, di entrare in relazione con gli altri. Un approccio alla realtà che tende a privilegiare l’immagine rispetto all’ascolto e alla lettura influenza il modo di imparare e lo sviluppo del senso critico” (n. 86). Il sociologo Marshall McLuan nella sua celebre frase “il medium è il messaggio” anticipava, già a metà degli anni ’60, il dibatto sulla comunicazione ai tempi di internet e dei social network, ponendo l’accento sull’importanza del mezzo di comunicazione. Il pensiero di McLuhan ci fa riflettere sul fatto che il mezzo stesso di comunicazione è in sé comunicazione, assumendo maggiore importanza del messaggio che si vuole trasmettere. Alla luce di queste riflessioni possiamo dire, ora più che mai, che insegnare non è solo trasmettere un contenuto, ma significa soprattutto co73B5LODXRBCD3BEQ4V3CE6QQHInoscere il mezzo di comunicazione utilizzato. Fare lezione on-Line offre innumerevoli vantaggi ma anche alcune criticità. La rete rischia di diventare un mezzo asettico, manca una ritualità. I momenti come la ricreazione per i più piccoli, il quarto d’ora accademico o i pranzi a mensa per gli studenti universitari sono spazi di socializzazione, intessono legami, creano comunità. Se vogliamo che questo tempo non sia solo un brutto ricordo ma un’occasione di apprendimento per riscoprire cosa per noi è essenziale, dobbiamo proprio dare importanza a ciò che prima davamo per scontato. Anche a scuola.