1

Ottobre 2022

Andrea Drigani presenta il libro del vescovo Giuseppe Sciacca, con la prefazione del cardinale Walter Kasper, su alcuni problemi aperti nel diritto della Chiesa, da risolversi nell’ambito delle relazioni tra «salus animarum» ed «aequitas canonica». Antonio Lovascio con l’intervento di Francesco alla Confindustria, attraverso il raffronto evangelico tra i trenta denari di Giuda e due denari del Buon samaritano, offre alcuni orientamenti per l’attività economica in vista del bene comune. Alessandro Clemenzia riflette sull’Allocuzione «Gaudet Mater Ecclesia» con la quale San Giovanni XXIII, l’11 ottobre 1962, dette inizio al Concilio Vaticano II. Stefano Liccioli recensisce il volume curato da Paola Bignardi e Domenico Simeone sulla spiritualità e religiosità dei giovani italiani, una situazione complessa e complicata, ma non disperante. Francesco Romano fa memoria, nel centenario della nascita, di padre Ernesto Balducci (1922-1992), non solo del suo impegno politico-culturale, ma anche della sua dimensione teologico-spirituale. Giovanni Campanella riporta l’appello dei vescovi della Corea, sia del Sud che del Nord, cha auspicano l’unità del Paese nel rispetto della pace e del diritto alla libertà religiosa. Leonardo Salutati muovendo dal Convegno «Economy of Francesco» svolge alcune considerazioni sul sistema finanziario che, in gran parte, ha tradito la sua funzione originaria. Francesco Vermigli nella circostanza del 30° anniversario della Costituzione Apostolica «Fidei depositum», richiama il senso ed il significato del Catechismo della Chiesa Cattolica, da interndersi come espressione dottrinale del Vaticano II. Gianni Cioli con una ricerca storica e artistica su una chiesa in provincia di Firenze, rammenta l’opera del sacerdote fiorentino Carlo Celso Calzolai (1922-1992), archivista della diocesi, autore di pregevoli e importanti studi. Carlo Parenti riferisce sul Congresso dei Leader delle religioni mondiali e tradizionali in Kazakistan che ha visto la partecipazione e gli interventi di Papa Francesco. Giovanni Pallanti con la figura di Don Romolo Murri (1870-1944) rievoca la storia della prima «Democrazia Cristiana» e le difficoltà poste dalla Questione Romana. Stefano Tarocchi offre alcune annotazioni, anche con l’aiuto dell’archeologia cristiana, sul «Padre Nostro» nel Vangelo di Luca con riferimento all’andata di Gesù a Gerusalemme. Nella rubrica «Coscienza universitaria» si illustra la personalità del salesiano laico Artemide Zatti (1880-1951) che verrà proclamato Santo in questo mese di ottobre.