Pages Menu
Categories Menu

ottobre 2018

image_pdfimage_print

imageAndrea Drigani dall’Accordo tra la Santa Sede e la Repubblica Popolare Cinese sulle nomine vescovili, rammenta la storia degli interventi civili sulla designazione all’ufficio episcopale, la cui procedura, nella Chiesa latina, necessita, tuttavia, di ulteriori studi. Dario Chiapetti illustra da un punto di vista storico, politico e teologico le vicissitudini delle chiese ortodosse ucraine nel contrasto tra il Patriarcato di Costantinopoli e quello di Mosca. Giovanni Campanella recensisce il libro di Francis Collins che sostiene la possibilità di conciliare evoluzione e fede, poiché l’intelligenza di Dio sovrasta grandemente le nostre intelligenze. Stefano Tarocchi continuando le annotazioni bibliche su «ponti» e «pontefici» incentra la sua attenzione sulla missione di Gesù come Colui che percorre per primo quelle strade che Lui stesso ha aperto. Giovanni Pallanti si sofferma sulle origini familiari di Paolo VI e sul suo interesse per la cultura cattolico-democratica. Leonardo Salutati richiama dalla storia del cristianesimo antico i principi della morale sociale presenti nella Tradizione e le esperienze concrete, provenienti dall’esperienza monastica, di scelte di politica economica. Carlo Parenti commenta il discorso di Papa Francesco nella Cattedrale di Kaunas, durante il suo viaggio apostolico nei Paesi Baltici, che mette in guardia sui rischi della cosiddetta «società del benessere». Mario Alexis Portella svolge alcune considerazioni sui dilemmi e le difficoltà della gestione, da parte delle autorità politiche, dell’immigrazione, tenendo pure conto della crisi di valori dell’Occidente, che appare disintegrato e perciò incapace di integrare. Gianni Cioli ricorda l’insegnamento di Paolo VI sul significato della vita cristiana all’insegna di una conversione costante e continua per rendere operante il nostro Battesimo. Stefano Liccioli all’inizio di un nuovo anno scolastico e catechistico ripropone la figura e il modello di Gesù Maestro, nel senso di Maestro dei maestri e di Educatore degli educatori. Carlo Nardi con una frase di San Giovanni Crisostomo aiuta a riflettere sulla verità e sulla carità dell’Incarnazione: Dio ha assunto l’umanità. Alessandro Clemenzia presenta il volume di Chiara D’Urbano che affronta il dialogo tra l’antropologia cristiana e la psicologia per recuperare la pienezza umana e poter corrispondere alla propria vocazione. Francesco Vermigli nella memoria liturgica di Sant’Ignazio di Antiochia ne ripercorre la biografia, che costituisce una grande testimonianza di fedeltà al Vangelo con l’offerta della sua vita, non solo per la propria Chiesa particolare, ma per la Chiesa universale. Antonio Lovascio introduce alla lettura della recente intervista di Papa Francesco al quotidiano «Il Sole-24 Ore», nella quale vengono presentate, tra le altre, le questioni della crisi dalla globalizzazione, dell’economia dello scarto, dell’etica dell’impresa amica della persona.